lunedì 29 settembre 2014

CHEF MATTEO: Come preparare 21.095 metri in 1h 18' 30''

Matteo Bosco ci passa questa infallibile ricetta per un bel PB sulla mezza, che ha servito con successo a Monza, il 14 settembre 2014. Quindi, la parola allo chef:

INGREDIENTI

COSTANZA: è secondo me la cosa più importante;
con alcuni momenti più o meno lunghi di stacco ma sempre costanza.
VOGLIA: è la seconda cosa più importante; seconda perché tutti la possediamo, bisogna solo stimolarla.
MOTIVAZIONE: io sono uno pragmatico in generale; la mia motivazione è raggiungere un miglior tempo di prestazione in quella distanza e arrivare prima di qualcuno che, mesi prima, mi salutava e se ne andava. Mi piacciono la matematica e i numeri!
PROGRAMMAZIONE: Mai improvvisazione, Mai... Correre 5 giorni a settimana 20 km non ti fa' migliorare niente sulla mezza maratona!
CATTIVERIA!  prima ero troppo buono.. Ora incomincio a capire che posso correre bene e stare in mezzo a gente che fino a 1 anno fa' vedevo con il binocolo! Cattivo, ma sempre umile.. Sempre...


PROCEDIMENTO

PREFISSARSI L'OBIETTIVO. Dopo la prima mezza in quel di Busto Arsizio nel 2012 con tempo 1h 28' circa (Avevo iniziato da poco, per scherzo, a correre con un cliente conosciuto in palestra a Milano dove lavoro; vedendo dei piccoli ma buoni miglioramenti ogni settimana che passava mi son detto: Con allenamento specifico e programmazione 10' riesco a buttarli giu' PER FORZA!”).

DECIDERE DI PUNTARE A QUESTA DISTANZA: perchè mi "veniva bene", mi divertiva, e durava più delle altre.. Mi piace l'endurance! Ma poi capisci, che anche le altre distanze (come il miglio o i 5000 m) sono fondamentali per arrivare lì ai 21! Chissà magari nel 2015 una maratona, di prova, con il mio vecchio che fa' 60 anni... La farò .. Vediamo...

STACCARE TUTTO: In allenamento e in gara staccare cellulare e testa e sentirsi da solo; sentirmi da solo, con difficoltà e fatiche mie, in quel momento, mi piace. Alla fine degli allenamenti mi sento bene, raggiungo l'obiettivo. In gara è più bello, ma la sensazione è sempre quella.

ACCETTARE CHE LE COSE POSSANO ANDARE MALE:  nonostante ti sia allenato bene e senza sosta (marzo, mezza di Milano, abbandono per dolore gamba sinistra al 14km), ma se sai che il tuo lo hai fatto.. Bene, l'hai fatto e ti rimane!_ Quello che hai prodotto in allenamento non te lo ruba più nessuno_ Il sudore che butti fuori lo spremi e ci riempi una cisterna pian piano_

ALLENARSI GUIDATO:  e da una persona appassionata e motivata nello sport, Enea Zampini, ottimo atleta e persona seria. Programmazione e metodica sui 3 mesi circa di preparazione_ Quello che vedo, parlo sempre da neofita e da persona appena entrata in questo mondo, e che penso sia controproducente per molti che vorrebbero migliorarsi sui propri tempi, è che la maggior parte della gente non si allena in settimana nei dovuti modi e poi corre 30 km in 2gg nel weekend; Da laureato in scienze motorie e dello sport ci sarebbero molti temi da affrontare dietro un esempio banale come questo, ma questa è la realtà : obiettivo gara, preparazione specifica e correre quella gara!

AGGIUNGERE PAZIENZA SENZA VOLER RAGGIUNGERE RISULTATI IMMEDIATI PER FORZA.. Lo fai e ti fai male; E' scritto, sicuro, provato quasi scientificamente! Gradualità e equilibrio nel percorso.. Fatti seguire da qualcuno serio e concentrati sull'obiettivo: uno solo di obiettivo per programmazione, senza cambiarla in corso_

EVITARE DI SALTARE ALLENAMENTI..  Qualche volta, durante la preparazione, mi viene da dire "questo lo salto". Per i più svariati motivi... Ma poi penso che con la corsa riesco a mettermi alla prova.. E questo mi piace un casino. Umiltà. Esiste tanta gente che corre 10 volte più forte di te.. Ma se ti alleni bene correrai 10 volte più forte te di molti altri!

CONSIDERAZIONI..

In questo anno e mezzo ho provato sulla mia pelle cosa vuol dire TESTA nello sport: prima di Milano, mezza di marzo 2014, nei giorni di scarico precedenti, mi sentivo appesantito, stanco e non miglioravo con l'avvicinarsi della domenica di gara. Facevo dei paragoni con le sensazioni prima della mezza di Cremona dell'ottobre 2013_ Sbagliavo! Infatti al 14° km dolore e stop.. Chissà se ci pensavo un po' meno al fatto di non stare benissimo, magari il fisico rispondeva positivamente! Mentalmente se sono libero e cerco solo di divertirmi, mi vengono le cose migliori.. Ora aspetto CREMONA 2014, tutta bella piatta e penso proprio di divertirmi!

Ciao ciao e buon allenamento a tutti! Ci vediamo alla Cardacrucca! Ricordatevi di portare dietro tutte le scarpe consumate, che non usate piu' , per una buona causa!!_____ IL MATT

Nessun commento:

Posta un commento