lunedì 17 febbraio 2014

Marciando per la vita

Il nostro Luca terzo assoluto sul podio con Biotti e Mignani

E così ieri è ripartito.
Il carrozzone più seguito del varesotto ha riaperto i battenti.
Tutto come sempre, è una macchina ben oliata, con qualcosa in più.
Da quest'anno, dopo stagioni di richieste, è stato introdotto il chip.
E così, anche l'unico motivo di malumore, i tempi presi a mano, è stato azzerato.

Per noi la prima gara, Marciando per la vita, è anche, come l'anno scorso, gara sociale.
Dall'ultima edizione sono successe tante cose.
Abbiamo guadagnato in esperienza e affiatamento, il nostro settore giovanile è fiorito e continua a crescere.
Ci sono stati degli addii all'interno del nostro gruppo e dei benvenuti.
Credo che i nuovi arrivi siano sempre forieri di linfa vitale, di stimoli e comunione.
Così come penso che gli addii non esistono quando si scelgono le persone, perché le persone resteranno per sempre amici da ritrovare.

Alla gara di ieri hanno fatto il loro debutto al Piede d'oro 2014 i nostri ragazzi, sono stati bravissimi tutti.
Gabriele Secci terzo assoluto, Rachele quinta nonostante una forte contusione ad un piede rimediata contro un marciapiede che oggi le ha impedito di camminare, Martina che non vede il bivio del percorso corto e purtroppo continua per il lungo, e lui, il più piccino e agguerrito, Giulio Passerini che la corre a tutta arrivando praticamente volando, sfiancando il papà che gli faceva da angelo custode.

I tempi e le posizioni verranno inseriti al più presto.
Ma avrete già capito che non sono cose che mi interessano molto.
A me interessa altro.
Interessa parlare di Alessandro Perini, ad esempio, al suo esordio come Cardatleta.
Alex che non avendo potuto esserci al Vallone perché influenzato non è però voluto mancare ieri.
Mi interessa parlare di Luca Filipas, che pur essendo molto giovane è guardato con rispetto in tutta la provincia.
Rispetto che sarebbe elevato all'ennesima potenza se tutti potessero vederlo come lo vediamo noi.
Non nelle vesti d'atleta ma di allenatore.
Luca da quest'anno è uno dei punti fermi per i ragazzi che in Cardatletica hanno trovato un loro spazio per allenarsi, crescere e divertirsi.
Insieme ad Enea, Luca riesce a coinvolgerli e spronarli e loro ne sono entusiasti.
Ed è anche per questo che ieri è stato bellissimo vederlo arrivare terzo assoluto, infatti, oltre a far parte del nostro staff, dal 2014 è un tesserato Uisp per la Cardatletica.

Oltre a loro c'erano i soliti noti, Enea, per il quale in questo momento 8 km valgono una mezza Maratona, il trio delle meraviglie Aldo, Piero e Vincenzo, sempre presenti e sempre agguerriti.
Omar il webmaster/segretario/neopapà che ha rallentato i ritmi ma non il ritmo di vita.
Stefano che corre sempre con entusiasmo puro.
Antonio sempre presente e sorridente, memoria storica del circuito e fonte di esperienza infinita.
Mario che porta sempre alla grande i nostri colori.
E non ultimo lui Il Màtt, che dopo Luca, è il più forte di giornata.

Lorena leonessa Castiglioni

Lascio per ultime loro solo perché voglio che vi rimangano impresse meglio.
Le nostre due signore.
Aureliana, che arriva corre e si diverte fregandosene degli acciacchi.
E lei, la nostra leonessa, che non molla mai, che lotta sempre e che ha iniziato alla grande.
Grazie teacher, Lorena sei forte!.

Così abbiamo iniziato e così continueremo, questo è solo il primo giro di giostra.
Abbiamo le tasche piene di gettoni e quindi, altro giro altra corsa altro regalo!


Nessun commento:

Posta un commento